Logo FederUnacomaLogo Agrofarma
Progetto di formazione Unacoma e Agrofarma per l'uso corretto degli irroratori

Progetto. SOFT

Intesa Agrofarma-FederUnacoma:
maggiore qualità e sicurezza nella distribuzione degli agro farmaci

Le due associazioni confindustriali sono impegnate dal 2010 in un progetto di formazione che punta a migliorare la qualità della distribuzione degli agrofarmaci, la sicurezza dell’operatore, quella dell’ambiente e del consumatore.

Il successo del trattamento fitoiatrico deve essere visto in un’ottica non solo di controllo delle malattie della pianta ma anche di salvaguardia ambientale, e sicurezza dell’operatore e del consumatore finale del prodotto.

Due sono i principali “attori” della filiera di distribuzione dei agrofarmaci: i produttori delle molecole chimiche e quelli delle macchine irroratrici, grazie alla cui sinergia è possibile perseguire gli obbiettivi di una distribuzione dei agrofarmaci sempre più sostenibile in termini sia economici che ambientali. In questa prospettiva Agrofarma ed FederUnacoma, le due organizzazioni che in seno alla Confindustria rappresentano rispettivamente le industrie produttrici di mezzi chimici e di macchine per l’agricoltura, hanno dato vita nel 2010 ad uno specifico progetto formativo denominato “SOFT” – Sustainable Operations in Fitoiatric Treatments.

Il programma di formazione – coordinato per la parte meccanica e curato nella fase didattica da Paolo Balsari, Professore Ordinario della Sezione Meccanica del DISAFA dell’Università di Torino – si è sviluppato a partire dal 2010 con iniziative pilota in varie Regioni, fra le quali il Veneto, l’Emilia Romagna, la Puglia e la Sardegna.

I corsi si svolgono presso centri sperimentali agricoli, aziende pilota o strutture regionali, prevedendo una parte di formazione in aula ed una parte sul campo, con prove pratico-dimostrative di taratura delle macchine e anche relative alla fase di gestione dei prodotti residui del trattamento fitoiatrico.

I partecipanti, che accedono ai corsi Agrofarma-FederUnacoma a titolo gratuito previo invito, acquisiscono conoscenze sulle caratteristiche degli agrofarmaci, sui componenti delle macchine irroratrici e sui principi che regolano la polverizzazione della miscela fitoiatrica e il trasporto delle gocce verso il bersaglio, sulle principali problematiche ambientali legate alla distribuzione dei agrofarmaci e le possibili soluzioni tecniche-operative per contenerle, e infine sulle più appropriate modalità di funzionamento e regolazione delle macchine stesse.